Following the Doctor: Chapter One

0
162

Following the Doctor: Chapter one

Ogni rider ha una missione nella propria vita d’atleta, rincorrere un’estate senza fine viaggiando da un continente all’altro, seguendo la stagionalità del vento.

E’ con questo spirito che anche noi, come il 99% dei pro riders mondiali, abbiamo fatto i biglietti per il Sudarica, riempito le nostre sacche della migliore attrezzatura e di tanta voglia di stare in acqua fino a sentire tutti i muscoli del corpo chiedere pietà.

Come molti di voi ben sanno però il clima mondiale continua a mutare ed anche qui in Sudafrica il vento in questo periodo sembra non essere più una sicurezza, quando fino ad alcuni anni fa si sarebbe usciti ogni santo giorno con la vela più piccola, questo oltre a rendere difficoltoso lo svolgimento della Red Bull King of the Air, rende tutti i kiters della zona molto impazienti e frustrati.  Nonostante questo siamo comunque usciti in mare per un paio di giorni insieme ai riders più forti del mondo in pieno allenamento pre-gara, come Jasse Richman e Kevin Langeree che ci hanno dato un assaggio di quello che vedremo tra qualche giorno; abbiamo anche iniziato a testare i nuovi materiali, di cui vi parleremo approfonditamente più avanti.

poula kevin

Capita così dopo alcuni giorni di ritrovarsi da Carlucci’s, “la Colazione” a Table View, al tavolo con Luis Cathern e Noè Font, mentre intorno a noi la clientela era fatta all’80% da pro-riders: Luke McGuillewie, Bruna Kajia, Kevin e Jalou Langeree, Aaron e l’immancabile Robby Naish in grande forma mentre sorseggia una spremuta d’arancia con Red Bull (!!!???).

E’ in questo clima d’incertezza cheabbiamo deciso di esplorare il territorio con un lungo giro intorno alla riserva naturale del Capo di Buona Speranza.

Un luogo mistico, dove la natura si esprime in tutta la sua grandezza, ed un paesaggio che muta l’aspetto continuamente somigliando dalla Costa Azzurra, alla Sardegna, al Regno Unito alle Hawaii, in un continuo susseguirsi di caratteristici villaggi marittimi.

houtbay

In questo giro abbiamo toccato Simon’s Town, famosa per la sua colonia di Pinguini, Platboom con la sua lunga spiaggia bianca sovrastata da onde imponenti e regolari, il Capo con la sua scogliera battuta dalle onde che si incontrano in questo punto estremo e carico di storia, fino ad arrivare a Muizemberg, patria del surf Sudafricano e meta ambita dagli squali locali.

Ora non resta che attendere il vento……