Isole Marshall: il kite è avventura con Reo Stevens

0
89

Gli atolli meravigliosi delle isole Marshall fanno da sfondo al camp Kite Adventure organizzato da Reo Stevens e Moona White. Un’esperienza di kite tra le onde che è il sogno di tutti gli amanti del wave.

“Chuck, guarda!” Ha urlato Adriana dal suo posto, scuotendosi per l’eccitazione. Poi ha preso rapidamente la telecamera da suo marito e ha iniziato a girare attraverso il finestrino incrostato di sale. Reo l’ha avvisata di mettersi la cintura di sicurezza. Stavamo per avere un atterraggio accidentato. Più presto quella mattina, alle 3:45 am per essere precisi, avevamo iniziato il nostro viaggio verso le Isole Marshall per il camp annuale Kite Adventure di Reo Stevens. Reo, Keahi, papà, Tanner, Chuck, Adriana e io ci siamo infilati nei nostri due camioncini carichi di sacchetti di cartone e abbiamo lasciato in fretta la North Shore. Avevamo volato fino a Majuro, la capitale e il più grande atollo delle Isole Marshall.

Fate i bagagli, abbiamo un’aereo da prendere

Le sue 64 isole costituiscono una superficie totale di 3,7 miglia quadrate. In effetti, la nostra pista di atterraggio era la più lunga scheggia di terra e larga appena per un aereo. Siamo atterrati nel più piccolo aeroporto che avessi mai visto, abbiamo preso i nostri bagagli e siamo andati a prendere il nostro volo di collegamento. A questo punto abbiamo incontrato altri cinque kiter che si stavano unendo al camp. Insieme siamo saliti sul nostro prossimo aereo, due per fila, riempiendo la maggior parte dell’aereo. Keahi è stato l’ultimo a salire a bordo, mischiando le cianfrusaglie sull’asfalto in modo che si adattassero alla piccola stiva. Alla fine ce l’ho fatta anche io, sudando, e siamo partiti nel nostro bus volante verso il cielo.

La vista era epica. Atolli e lagune galleggiavano in un mare di blu scuro sotto di noi. Le chiacchiere eccitate combattevano il ronzio che arrivava dai propulsori. All’improvviso, le palme hanno riempito le finestre. Girando l’angolo, abbiamo visto la nostra prossima pista di atterraggio, nient’altro che un tratto di erba e ghiaia questa volta. L’intero aeroplano si stava scuotendo. Abbiamo continuato a guardare freneticamente attraverso ogni finestra, palme da un lato, acqua blu dall’altra, persino dritto attraverso la cabina di guida aperta, fino alla fine. Atterraggio.

Nel mare cristallino un’isola a forma di cuore

Siamo rotolati fino a fermarci e poi letteralmente siamo scesi dall’aereo in paradiso. Palme Ovunque. Una sola baracca si trovava appena fuori dalla passerella. Ok, era questo l’aeroporto più piccolo che avessi mai visto. Due uomini del posto ci hanno aiutato a caricare le attrezzature sul retro di un camion. Poi ci siamo trascinati gli zaini e ci siamo diretti verso la foresta di cocco. I bambini locali ci hanno accolto con un sorriso. Le donne che indossavano abiti mumu sembravano scortarci. I cuccioli timidi seguivano dietro. Alla fine del sentiero, abbiamo avvistato la nostra barca ancorata nell’acqua blu davanti a noi. Era il Mercante delle Indie, una nave esplorativa originale appartenente a Martin Daly, scopritore del Mentawais. Una volta che tutti gli equipaggiamenti e i passeggeri erano a bordo, abbiamo rotto un paio di noci di cocco, sgranocchiando tortillas e salsa alla Kirkland.

Il mare era bellissimo, ma eravamo distratti da un’isola ricoperta di palme di cocco una dopo l’altra. Il tipo di isole che sogni se un giorno ti capita di arenarti da qualche parte. Capivo perché Martin aveva scelto di fare proprio questo viaggio, quando approdammo sulla sua fetta di paradiso privato. Adriana ne aveva scattato una foto dall’aereo. Era l’unica isola con una struttura visibile, un molo e alcune barche. Aveva anche la forma di un cuore. Sembrava perfetto.

Rallentate! Siete su un’isola

Desiderosi di ascoltare il programma del giorno dopo prima di cedere ai nostri letti per la notte, abbiamo chiesto come sarebbero state le condizioni al mattino. Martin ci ha negato un piano solido e ha detto: “Svegliamoci e vediamo!”. Venendo dal nostro mondo digitale ci sembrava di sbattere dritti in un muro di mattoni che diceva: “Rallentate, siete su un’isola ora”. Una combinazione di una differenza di tempo di 2 ore e pensieri di grandi lagune blu che correvano intorno alla mia testa mi svegliava alle 5 del mattino. Era tranquillo, a parte una brezza costante e forte attraverso gli alberi. La “previsione” si è rivelata vera e la casa si è svegliata lentamente. Reo ha dato una lezione su tavole da surf e poi abbiamo raccolto le nostre attrezzature da kite.

Siamo saliti sulla Indie Surveyor This Time di color grigio canna di fucile. Ci ha spinto per 30 minuti per un altro passaggio. Finalmente la nostra prima session tra le onde! Erano di circa 1-2 metri e un po’ disordinate. Abbiamo lanciato i kite dalla barca e preso alcune onde. Era nuvoloso ma l’acqua era calda e il motu annidato all’interno della barriera corallina era una lunga distesa di sabbia bianca e palme, per quanto si poteva vedere. Non vedevamo l’ora di vedere cosa avrebbe portato il giorno dopo.

Le prime onde di “The Bowl”

Giorno 2. Mi sono svegliata di nuovo davanti al sole. Martin roteava il telescopio pesante e fissato su ruote, posizionandolo nei punti giusti per visualizzare i reef break lontani tra gli alberi. Abbiamo avuto un rapporto meteo ma ho capito che su questo atollo non sai mai quello che puoi aspettarti. Il minimo cambio di direzione delle onde si può tradurre in parecchi piedi di dislivello delle stesse. Anche Martin, surf guide (e solo surfista residente nell’atollo) non può dare una previsione accurata. La buona notizia era che la barca avrebbe potuto portarci sull’onda che avrebbe lavorato meglio quel giorno. «Qual è la chiamata, Martin?» Alcuni ospiti erano andati a passeggiare sorseggiando il caffè, ma ora tutta l’attenzione era su di lui. “Penso che The Bowl sarà il via!” Il nostro guru del surf aveva parlato. Il nostro guru del vento, Reo, ci ha assicurato che The Bowl sarebbe stato un bel trasloco proprio con questa direzione del vento.

Metà del gruppo scese sottovento e il resto seguì sulla barca lungo la costa, finché non arrivammo al primo passaggio. Onde alte avvolte strettamente attorno al ripiano della scogliera e sgocciolanti al loro interno ci hanno dato il benvenuto e hanno confermato il suo nome. Abbiamo aiutato gli ospiti a salire e scendere dalla barca con i loro kite. L’ultima è stata Adriana e poi tutti hanno iniziato a mangiare nella loro pausa pranzo. Tempo per una session da ragazze! A partire dalla cima della scogliera con vento side-onshore per la nostra prima volta, avremmo colpito la sezione dell’onda con perfetto vento side-shore e finire fuori con un ultimo giro laterale in mare aperto, con l’onda quasi di fronte la direzione da dove era iniziato. E’ stato bello avere onde una certa dimensione, ma c’erano voci che l’indomani sarebbero state più grandi ed ero entusiasta di assaggiarle. Nessuno ha chiesto a Martin un piano, ovviamente. Ora dell’isola, ricordi?

Lunghe session in acqua e pausa con tacos

Giorno 3. Qualcosa era cambiato. Le fronde di palme erano calme per la prima volta da quando eravamo arrivati qui. Potevamo vedere grandi muri di acqua bianca dalla casa che macinavano la scogliera tra i tronchi degli alberi. Martin disse una sola parola, “Nirvana”. Mentre ci avvicinavamo alla passe tutti si sono radunati sul lato della barca per osservare le prime onde che colpivano la barriera corallina. Così com’era, sembravano piegarsi, scendere sotto il livello del mare e poi aprirsi in un picco vuoto e perfetto. Ci guardammo tutti, incerti se potessimo surfare in quel modo. Ci girammo per vedere Keahi che si stava mettendo in fretta lo zinco sul viso. Noi anche ci siamo adattati, incerato le nostre tavole da surf e remato nell’acqua di vetro.

Sapevo che questo era il miglior viaggio della mia vita. Abbiamo navigato con nessun altro in giro, non una barca che minacciava di apparire all’orizzonte. Nella migliore session che abbia mai visto. Le condizioni si sono protratte per gran parte della giornata e l’unica pausa è stata per uno dei tacos di pesce fresco dello chef Angus e per riapplicare la crema solare. Nirvana.

Un’eternità su quelle creste bianche…

Il giorno successivo l’isola ci ha regalato ancora il vento. Abbiamo deciso di controllare l’Amnesia. Già completamente soddisfatta della nostra session di ieri, ero felice di accettare qualsiasi cosa avessimo trovato lì come una ciliegina sulla torta. Quando ci avvicinammo, vedemmo grandi muri d’acqua che marciavano verso la barriera corallina e spruzzi bianchi si staccavano dalla loro schiena. Abbiamo corso per preparare i nostri kites mentre Martin ha assicurato il Surveyor all’interno dell’intervallo dell’onda. C’era un salto del fondale poco profondo sulla scogliera appena fuori dalla spiaggia e poi un salto immediato a 140 piedi, dove era ancorato l’ormeggio. Ci ha messo proprio al riparo dell’isola con questa direzione del vento. Mentre stavamo sullo specchio di poppa, potevamo vedere la linea del vento ad almeno 100 metri di distanza e l’acqua era di vetro ai nostri piedi. Grandi onde tonde ci stuzzicavano in lontananza.

Keahi è andato per primo. Ho pompato e ho messo il suo kite in acqua. La corrente l’ha portato fuori e una volta che ho visto che le linee erano dritte, mi sono agganciata e sono saltata in acqua con la sua tavola. Mi sono seduta sulla sua tavola fino a quando ho preso il vento, ho lanciato il kite e ho virato controvento all’onda. Non era così male! Uno dopo l’altro siamo saltati nell’acqua con i nostri kite come le anatre nel profondo canale blu di 140 piedi. Come un nastro trasportatore, la corrente ci ha spazzato via dalla barca. Quando ho preso le prime creste bianche, probabilmente erano solo pochi secondi, ma sembrava un’eternità. Sentendo la tensione nelle mie linee, ho lanciato il mio kite e mi sono unita al resto del gruppo.

Ecco il picco, dare gas

Le onde erano di dimensioni perfette e la marea era giusta. Reo si è fermato in una grande caverna blu di fronte a me. Keahi ha fatto lo stesso su quella successiva. Il resto di noi prendeva onde più piccole e cercava di ricordare alcune lezioni di Reo. Sono salita su una grande onda e l’ho seguita verso la barriera corallina. Quando ha colpito la barriera corallina ho cercato di aspettare il più a lungo possibile prima di infilarmici sotto. Non potevo più aspettare, e mi sono lanciata in avanti. Ho impostato la mia linea e spostato in avanti il peso. Ero un secondo troppo presto e non potevo rallentare adesso. Sono volata lungo la linea, cercando senza successo di fermarmi. Sembrava andasse avanti per sempre. Ho sorpassato la telecamera e il sorriso ha coperto la mia faccia mentre sterzavo il mio kite verso la salvezza. Sono volata fuori la fine dell’onda, illesa. Ero in una scarica di adrenalina, ma sapevo che era troppo lontano davanti al labbro dell’onda.

Sono tornata indietro per trovare un’altra onda, determinata a farlo all’interno del cavo blu questa volta. Reo ha visto il mio tentativo e mi ha urlato sopra il suono sommerso del vento. In qualche modo, alla prossima virata ho trovato un’altra onda buona. Si stava piegando attorno alla barriera corallina ed era più piccola. Ho aspettato un secondo di più dell’ultima volta e mentre l’onda si alzava, ero abbastanza profonda. Ho abbassato il mio kite, ho dato il gas e mi sono infilata sotto il labbro per una rapida visione.

Domani è un altro giorno

Troppo presto il sole si è spento sotto l’orizzonte e abbiamo dovuto concludere la session per la quale avevamo viaggiato tanto. I nostri volti erano radiosi e i sorrisi contagiosi. Abbiamo surfato molte buone onde. Volevamo tutti dare un’altra possibilità a quel paradiso ma la marea stava calando. I nostri computer ci hanno detto che anche il vento poteva calmarsi. Non mi importava quale sarebbe stato il programma per l’indomani. Sapevo che mi sarebbe piaciuto qualunque cosa ci avessero regalato queste isole. Piccole onde, grandi onde, vento, immersioni… Alziamoci e vediamo!

 

Testo: Moona Whyte & Reo Stevens (a cura di David Ingiosi)

Immagini: Chuck Harlan, Damea Dorsey, Keahi de Aboitiz